Planning fallacy e organizzazione del team: rimani concentrato con Pipedrive

Cognitive bias

La motivazione richiede uno scopo e se questo è indefinito diventa difficile raggiungere degli obiettivi. 

Ultimamente, lavorare da casa non è sempre stato facile. Un team che prima lavorava vis-a-vis in ufficio, ora è costretto a lavorare a casa da remoto, spesso riscontrando non poche difficoltà nella pianificazione degli obiettivi che il team vuole raggiungere. 

Per questo motivo, avere un obiettivo diventa fondamentale, e dividerlo a sua volta in micro-obiettivi può aiutarti a raggiungere traguardi intermedi, necessari per mantenersi sempre motivati. Questi micro-obiettivi sono quindi un ottimo modo per tenere traccia dei tuoi target di vendita e soprattutto per assicurarti di poter raggiungere i tuoi traguardi. Ogni team potrà creare uno o più obiettivi da raggiungere e monitorare l'avanzamento assieme a tutti i componenti del gruppo di lavoro.

Pipedrive ti da la possibilità di tenere traccia di questi obiettivi dandoti una panoramica globale sui tuoi progressi. In questo modo, tu e i vari componenti dei team potrete concentrarvi in modo esclusivo sulle vostre rispettive opportunità e contatti gestendo autonomamente l’organizzazione di tali attività.
Gli obiettivi possono essere fissati sia per l’intera azienda, che per uno dei tuoi collaboratori, o per uno dei tuoi team. 

Inoltre, l’obiettivo prefissato può riferirsi a diverse fasi presenti all’interno della pipeline:

  • Opportunità avviate
  • Opportunità aggiudicate
  • Sviluppo delle tue opportunità

Errore di pianificazione (planning fallacy bias)

Sicuramente avrai già sentito parlare di planning fallacy bias o errore di pianificazione, elaborata da Daniel Kahneman e Amos Tversky nel 1979.

Questo bias cognitivo consiste in un fenomeno in cui le persone sottovalutano il tempo necessario per portare a termine una determinata attività futura, nonostante siano consapevoli che attività simili svolte in precedenza hanno richiesto più tempo. 

Un'importante ricerca di Lovallo e Kahneman (2003) dimostra come i managers cadano spesso nel bias “errore di pianificazione” (o planning fallacy), causando loro di basare le loro decisioni su un ottimismo fittizio anziché su una valutazione dei guadagni, perdite e probabilità

Questa inaccuratezza nel formulare queste stime può portare a degli importanti costi economici, personali e sociali.

Ma come fare quindi ad evitare di cadere nell’errore di pianificazione?

Ecco alcuni esempi:

  • tieni conto dei vari passaggi che dovrai affrontare per raggiungere il goal
  • dividi il lavoro in task più piccoli
  • pensa a ogni componente del team, e assegna loro un tempo per completare il task
  • visualizza il piano dalla prospettiva di un osservatore (immagini di terza persona)
  • crea delle intenzioni di implementazione: in questo modo, ogni membro del team si focalizzerà sul futuro e immaginerà quando avrà l’intenzione di lavorare a un determinato progetto.

Pipedrive ti aiuterà a pianificare i tuoi task,  dandoti un’analisi dettagliata del tempo e delle risorse che andrai ad utilizzare per il completamento del tuo obiettivo. In questo modo riuscirai ad avere dei piani che saranno realistici e, di conseguenza, sia te che il tuo team lavorerete in maniera più efficiente e produttiva.

Sei pronto a scoprire Pipedrive?

 

Questo era il secondo articolo di una serie di 5. Ti sei perso il primo? Eccolo qui!